La tecnologia è motore anche di questa ennesima trasformazione digitale

La data economy è un’economia dei dati reale, basata soprattutto sulla capacità delle imprese di gestire la quantità crescente di informazioni digitali. Consiste infatti in un’economia in cui le aziende interpretano correttamente i dati e aumentano notevolmente le proprie performance. Il dato lo si può definire come un’informazione o una rappresentazione di più informazioni combinate tra loro e memorizzate all’interno di data warehouse management.

Un’economia “illuminata”

Prendendo in considerazione il termine inglese, lo possiamo tradurre come economia “illuminata”, in quanto le imprese possono coinvolgere i clienti in nuovi modi, più funzionali e più efficienti, tenendo sempre in considerazione che “il nuovo baricentro del business è la customer experience”, secondo una ricerca di mercato di IDC risalente a settembre 2018.

Il Parlamento europeo ha stabilito che la data economy conta per l’1,9% del PIL europeo, e per l’1,6% di quello italiano, e le previsioni dell’Unione Europea indicano che, da qui al 2020, potrebbe raggiungere il valore di 739 miliardi di euro, generare il 3,3% del PIL e impiegare 7,4 milioni di persone.

I nuovi strumenti che si possono utilizzare nel mondo della digital economy sono sistemi e piattaforme quali Cloud Computing, Internet of Things, Blockchain, Artificial Intelligence, Augmented e Virtual Reality, Advanced Robotics e la Stampa 3D.

 

Continua a leggere su Logisticamente.it >

Hannover Fairs International GmbH | Fiera di Hannover | Via Paleocapa, 1 MILANO - P.IVA 08082840961 | tel. 02 70633292 | info@hfitaly.com | Privacy Policy

Share This