Sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana n.100 del 30 aprile us è stato pubblicato il Decreto-Legge 30 aprile 2019, n. 34 ‘Misure urgenti di crescita economica e per la risoluzione di specifiche situazioni di crisi’, entrato in vigore il 1 maggio.
Il Decreto-Legge affronta:

  • misure fiscali per la crescita economica
  • misure per il rilancio degli investimenti privati
  • tutela del made in Italy

oltre ad ulteriori misure per la crescita.

Tra le misure introdotte:
  • la maggiorazione del 30% degli ammortamenti per l’acquisizione di beni strumentali (in vigore dal 1 aprile 2019 al 31 dicembre 2019 con consegna entro il 30 giugno 2020,  a condizione che entro la data del 31 dicembre 2019 il relativo  ordine risulti accettato dal  venditore  e  sia  avvenuto  il  pagamento  di acconti  in  misura  almeno  pari  al  20  per  cento  del  costo  di acquisizione);
  • abrogazione della mini-IRES prevista dalla legge di Bilancio 2019 e sostituzione con una nuova misura finalizzata a tassare con l’applicazione dell’aliquota IRES ridotta gli utili d’impresa non distribuiti;
  • una maggiorazione della deducibilità IMU sugli immobili strumentali delle imprese e dei lavoratori autonomi;
  • modifiche alla Nuova Sabatini, che prevedono un aumento a 4 milioni di euro del valore massimo del finanziamento concedibile a ciascuna impresa (consentendo anche alle imprese che hanno già saturato il limite massimo dei 2 milioni di euro di continuare ad accedere alle agevolazioni, anche in considerazione delle cospicue risorse finanziarie disponibili stanziate con la legge di Bilancio 2019) e l’erogazione di un contributo in un’unica soluzione a fronte di finanziamenti di importo non superiore a centomila euro;
  • la rivisitazione del “sisma bonus”, con estensione del bonus agli edifici in zona 2 e 3 di rischio sismico;
  • modifiche alla disciplina degli incentivi per gli interventi di efficienza energetica;
  • l’approvazione di una spesa di 10 milioni (2019 e 2020) e di  20 milioni (2021) per le attività  di  ricerca, sviluppo e innovazione delle tecnologie energetiche pulite;
  • un credito d’imposta credito d’imposta  per  le spese di partecipazione a manifestazioni  fieristiche  internazionali di settore (30  per  cento  delle spese fino ad un massimo di 60.000 euro –  importo  massimo pari a 5 milioni per l’anno 2020);
  • la concessione di agevolazioni finanziarie nella misura massima del 50% dei costi ammissibili (definite nei limiti stabiliti dal regolamento UE n. 1407/2013), al fine di favorire la trasformazione tecnologica e digitale dei processi produttivi delle imprese di micro, piccola e media dimensione. Tali agevolazioni sono dirette a sostenere la realizzazione dei progetti di trasformazione tecnologia e digitale aventi le seguenti caratteristiche: essere diretti all’implementazione delle tecnologie abilitanti individuate nel piano Impresa 4.0 (advanced manufacturing solutions, addittive manufacturing, realtà aumentata, simulation, integrazione orizzontale e verticale, industrial internet, cloud, cybersecuruty, big data e analytics); presentare un importo di spesa almeno pari a 200.000 euro.Il Decreto-Legge dovrà ora essere convertito in legge dl Parlamento entro 60 giorni.

    Il testo del Decreto-Legge è consultabile al seguente link.

Hannover Fairs International GmbH | Fiera di Hannover | Via Paleocapa, 1 MILANO - P.IVA 08082840961 | tel. 02 70633292 | info@hfitaly.com | Privacy Policy

Share This