Digitalizzazione e innovazione sostenibile, orientamento al cliente e soluzioni sempre più personalizzate hanno modificato significativamente il modo di produrre. Automha, che nel suo settore è riconosciuta come una delle impese più all’avanguardia e customer oriented, è consapevole che la progressiva centralità della logistica interna in azienda va di pari passo con un significativo aumento dell’energia dedicata a questa fase aziendale. Il magazzino progettato e realizzato da Automha per FRUVECO S.A. è un esempio di efficienza e produttività sottozero.

 

Fruveco è nata nel 1986 nella prolifica zona di Murcia e Almería, conosciuta anche come “orto europeo” grazie all’enorme quantità di terreno idoneo alla coltivazione di frutta e ortaggi. Da piccola azienda ortofrutticola, Fruveco in pochi anni ha saputo trasformarsi in una grandissima realtà internazionale specializzata nella produzione di prodotti vegetali congelati di alta qualità. Punto fermo della sua storia è la grande attenzione prestata ai prodotti, accuratamente scelti e generati secondo politiche di rispetto e protezione ambientale, nonché l’elevato standard tecnologico richiesto a qualunque macchinario inserito nella catena produttiva.

Proprio l’attenzione prestata a qualità e tecnologia ha spinto Fruveco a rivolgersi ad Automha per la creazione del proprio magazzino automatico, adibito allo stoccaggio del prodotto finito, prima gestito attraverso un piccolo magazzino interno e da logistiche esterne, con conseguenti ingenti spese di gestione e uno scarso controllo sulla merce stoccata.

 

Fruveco | Sede

 

Un problema di difficile soluzione

Fruveco aveva bisogno di un magazzino di grandi dimensioni a bassa temperatura, solitamente mal tollerata da sistemi meccanici ed elettronici. La soluzione progettata da Automha comprende macchine e sistemi in grado di lavorare da -35°C a +55°C, senza modificare le proprie prestazioni. Per Fruveco, è stata scelta la tecnologia Autosatmover che si avvale di un’alimentazione addotta da blindosbarre. Supercap, il veicolo figlio, posizionato sulla sua corsia, si ricarica a bordo del veicolo madre. Grazie alla tecnologia con Supercapacitor, sono state superate le problematiche tipiche dei sistemi alimentati ad accumulatori che pretendono lunghi tempi di ricarica (in caso di satellite con batterie integrate) o la presenza di operatori per la sostituzione degli accumulatori (in caso di macchine con fonte di energia estraibile). Il magazzino progettato da Automha ha garantito, quindi, una riduzione dei costi di ricambistica e di energia consumata, senza sacrificare l’efficienza produttiva.

ll magazzino ha una capacità totale di 60.000 posti pallet, e le unità di carico inserite sono di due dimensioni: 1200x800x144 e 1200x1000x144 dal peso massimo di 1000 kg.

Il magazzino è composto da:

  • 26 AUTOSATMOVER per 13 livelli su 2 moduli
  • 4 LIFTER, 2 per modulo, adibiti all’entrata e all’uscita dei pallet in corsia
  • 8 linee di ingresso/uscita bidirezionali
  • 12 navette Rushmover che mettono in comunicazione la zona carico e scarico camion con le linee di ingresso in magazzino
  • 1 zona di scarico automatico camion, caratterizzati da rimorchio allestito con rulliere a bordo. Questi camion giungono dall’area di produzione interna
  • 1 zona di scarico manuale camion provenienti da eventuali produzioni esterne
  • 5 baie di uscita pallet e smistamento ordini, caratterizzate da rulliere a gravità a gestione twin-load. Da qui i prodotti vengono portati in una delle 5 zone di carico camion, dove gli ordini vengono caricati e spediti.

 

I lifter funzionano con la tecnologia del recupero di energia per rigenerazione, utilizzata da anni da Automha. I motori dei lifter richiedono corrente durante le missioni di salita per il raggiungimento dei livelli di stoccaggio all’interno del magazzino. Quando dalle quote raggiunte i carri delle macchine devono ritornare al sistema di terra e quindi viaggiano in discesa, i motori divengono dei generatori. L’energia elettrica prodotta dai motori viene presa in carico dai sistemi di potenza che governano i motori e reimmessa nella rete di alimentazione della fabbrica. Metà della corsa degli elevatori è quindi svolta senza richiesta di energia elettrica.

 

I vantaggi della soluzione Automha

Fruveco è oggi il magazzino frozen autoportante più alto d’Europa. Le dimensioni e il reciproco aumento della produttività avrebbero potuto comportare un dispendio di energia maggiore rispetto al passato. Al contrario, grazie alle soluzioni implementate da Automha, Fruveco ha beneficiato di un notevole risparmio energetico ed economico, nel rispetto della politica di riguardo ambientale abbracciata dalle stesse aziende.

Per quanto concerne la gestione dello spazio di stoccaggio, l’ausilio dei satelliti ne ha consentito una piena ottimizzazione, diminuendo sensibilmente i tempi di gestione delle manovre di entrata e uscita della merce in magazzino, senza però incidere sul volume ma, anzi, incrementando la capacità del magazzino stesso, a fronte di un notevole risparmio energetico.

> scopri di più su AUTOMHA

Hannover Fairs International GmbH | Fiera di Hannover | Via Paleocapa, 1 MILANO - P.IVA 08082840961 | tel. 02 70633292 | info@hfitaly.com | Privacy Policy

Share This