Nel 2067 l’intera catena logistica delle merci sarà completamente automatizzata: dal prelievo iniziale del carico presso lo stabilimento, passando per lo stoccaggio, il trasporto via mare, lo sbarco, la distribuzione tramite treni o camion a guida autonoma e la distribuzione finale attraverso droni. È questo lo scenario previsto dalla società di ricerca McKinsey in una ricerca appena pubblicata e intitolata “Container shipping: The next 50 years”.

Lo studio sottolinea in particolare che tre fattori sono destinati a stravolgere la attuali dinamiche del mercato mondiale dei trasporti e sono: penetrazione delle tecnologie digitalibig data e internet delle cose. Secondo i ricercatori di McKinsey fra mezzo secolo l’industria della logistica, e in particolare quella del trasporto marittimo di container, sarà caratterizzata da alcune novità importanti.

La prima potrebbero essere le navi a guida autonoma che solcheranno i mari, vale a dire portacontainer in grado di trasportare fino a 50.000 Teu (unità di misura dei container da 20 piedi) che serviranno un volume di scambi commerciali che sarà fra due e cinque volte maggiore di quello odierno.

Aumenteranno i traffici marittimi intra-regionali soprattutto fra le economie emergenti in Asia e nel corso dei prossimi decenni la principale rotta mondiale per volumi di merce trasportate sarà con ogni probabilità quella che collega l’estremo Oriente con l’Africa, con scalo intermedio nei porti dell’Asia meridionale.

20171108 le corpo

Dopo diversi cicli dello shipping fatti di eccesso di stiva e di consolidamento fra compagnie di navigazione, il mercato del trasporto via mare di container nel 2067 sarà secondo McKinsey in mano a massimo quattro player di mercato. Potrebbero invece essere destinati all’estinzione gli spedizionieri puri perché la digitalizzazione ridurrà progressivamente la necessità di figure attive nella semplice intermediazione dei servizi. Più in generale potrebbero sparire tutte quelle figure che fungono da collante fra i vari anelli della catena logistica mentre chi sopravvivrà avrà interazioni completamente digitalizzate con le proprie controparti.

Infine gli analisti di McKinsey prevedono una divergenza fra le necessità dei caricatori: da un lato quelli che cercheranno un partner logistico in grado di garantire un servizio di trasporti e distribuzione il più possibile integrato (e saranno disposti a pagare un premio per questo) mentre dall’altro continueranno a permanere quelli che come oggi continueranno a operare sul mercato guardando in primis al minor costo possibile come primo fattore nella richiesta di trasporti e logistica.

> Leggi di più su Logisticaefficiente.it

Hannover Fairs International GmbH | Fiera di Hannover | Via Paleocapa, 1 MILANO - P.IVA 08082840961 | tel. 02 70633292 | info@hfitaly.com | Privacy Policy

Share This