Tra le novità il sistema di rating per valutare la qualità e funzionalità dei magazzini

Dal 2016 ad oggi, infatti, il settore dell’immobiliare logisticosta registrando tassi di crescita paragonabili a quelli ante crisi, spinti in particolare dalle richieste di aziende retail e soprattutto dell’e-commerce.

L’Osservatorio sull’Immobiliare Logistico (OSIL)nasce con l’obiettivo di studiare il settore del real estate dedicato alla logistica, progettando un modello di riferimento nazionale per la valutazione della qualità e funzionalità dei magazzini. Il panorama degli edifici ad uso logistico è costituito da varie tipologie di immobili, spesso classificati secondo anzianità, dimensione o caratteristiche strutturali.
Manca, invece, una vera e propria classificazione funzionale che ne determini la destinazione d’uso logistico per i soggetti che hanno necessità prevalente di stoccaggio, di distribuzione o di cross-docking.

Inoltre, ad oggi, si possono trovare modelli di valutazione degli immobili logistici che si concentrano maggiormente sui temi di sostenibilità, ma che, di nuovo, non considerano la funzionalità dell’immobile.

Per colmare questo gap informativo sulla qualità dei magazzini e sul loro grado di funzionalità la LIUC Business School ha ideato l’Osservatorio sull’Immobiliare Logistico (OSIL), realizzato dai ricercatori del Centro sulla Supply Chain, Operations e Logistica diretto dal prof. Fabrizio Dallari. Al progetto stanno collaborando i principali player del real estate tra cui Engineering 2K, P3, Prologis, Techbau, GSE e World Capital.

Per validare il modello di valutazione della qualità degli immobili i ricercatori della LIUC Business School hanno coinvolto anche alcuni utilizzatori quali Cablog, Columbus Logistics, Interporto di Padova, Tigros e molti altri.

OSIL | Principali tipologie di immobili logistici

 

Il mercato è tornato a crescere
Settori come l’e-commerce e il retailing stanno spingendo la ripresa dello sviluppo immobiliare, unitamente alla continua crescita dell’outsourcing logistico. A differenza del passato, gli ordinativi si concentrano su immobili build-to-suit. La vacancy è pressoché nulla per gli immobili di nuova concezione e per le taglie grandi.
Il panorama degli immobili ad uso logistico è costituito da varie tipologie di magazzini, spesso classificati secondo anzianità, dimensione o prossimità ad un polo logistico. Manca invece una vera e propria classificazione funzionale che ne determini l’uso per i soggetti che hanno necessità prevalente di stoccaggio, o di distribuzione oppure di cross-docking.

Continua a leggere su Logisticamente.it  >

Hannover Fairs International GmbH | Fiera di Hannover | Via Paleocapa, 1 MILANO - P.IVA 08082840961 | tel. 02 70633292 | info@hfitaly.com | Privacy Policy

Share This