I robot collaborativi, meglio noti come Cobot, sono stati ideati a metà degli anni Novanta ma solo dai primi anni Duemila sono disponibili sul mercato.
Secondo ricerche di mercato per l’
automazione industriale realizzate da Interact Analysis, società specializzata in ricerche, l’utilizzo di Cobot nel 2021 crescerà tra il 15 e il 20%, una crescita davvero notevole se paragonata a quella dell’intero settore della robotica industriale che aumenterà “solo” del 9,2%, trend che si manterrà costante almeno fino al 2028.

Cosa sono i Cobot e quali sono le differenze con i robot

Come si evince dal nome, i Cobot sono robot collaborativi creati per condividere lo spazio di lavoro con gli esseri umani senza barriere di sicurezza.
I Cobot non nascono con l’obiettivo di sostituire gli operatori umani ma con lo scopo di affiancarli nelle loro mansioni.

Questi robot collaborativi interagiscono in maniera funzionale all’esercizio di un compito: collaborazione che non dipende solo dalle proprietà ma anche dal loro utilizzo.
Per questo motivo bisogna chiarire che non sono collaborative le macchine ma le loro applicazioni.

Continua a leggere su Logisticamente.it >

 

 

Hannover Fairs International GmbH | Fiera di Hannover | Via Paleocapa, 1 MILANO - P.IVA 08082840961 | tel. 02 70633292 | info@hfitaly.com | Privacy Policy | Informativa sui Cookie