Nuovi modi d’acquisto, assistenza, relazione. I giovani “rompono” col passato

Alcuni cambiamenti sono così rivoluzionari che non mutano esclusivamente il mercato che vanno a toccare, ma anche tutto ciò che hanno attorno.
L’automobile, ad esempio, non ha solo cambiato il modo che fino a quel momento gli uomini avevano avuto di spostarsi o anche solo di pensare alla distanza fisica tra due punti, ma hanno dato un senso di libertà a chiunque la avesse.
Lo smartphone, per portare un esempio più attuale, ha invece cambiato la forma di comunicare, certo, ma anche di usufruire di servizi, di fare shopping, di interagire non solo con le persone, ma con il mondo circostante.
Proprio questo mezzo (così come internet nel suo complesso) ha nel corso degli anni rivoluzionato l’esperienza del commercio al dettaglio, del retail, che si è spostato con sempre maggiore decisione dai luoghi fisici a quelli virtuali.

Il caso dei Millennials

Possibilità che hanno conquistato da subito quelle fasce demografiche che più (e prima) hanno avuto a che fare con queste inedite possibilità, Millennials in primis.
I quali, a loro volta, hanno lentamente ma inesorabilmente sconvolto le modalità di acquisizione dei clienti, così anche come il customer care stesso.
E ora che i Millennials stanno cominciando a occupare ruoli decisionali nelle aziende, anche le imprese stanno influenzando il cambiamento dei servizi B2B.

Continua a leggere su Logisticamente.it >

Hannover Fairs International GmbH | Fiera di Hannover | Via Paleocapa, 1 MILANO - P.IVA 08082840961 | tel. 02 70633292 | info@hfitaly.com | Privacy Policy | Informativa sui Cookie